Web news
Palermo, seconda edizione!
Fa' la cosa giusta! Sicilia torna ai Cantieri della Zisa, dall'8 al 10 novembre.

C'è un volto della Sicilia ancora poco conosciuto, ma reale: produttori biologici, artigiani, creativi, associazioni, movimenti. Che svolgono le loro attività economiche con una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale, alla legalità e al rispetto dei diritti dei lavoratori. Li si potrà conoscere tutti insieme alla seconda edizione di Fa' la cosa giusta! Sicilia, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, che si terrà a Palermo dall'8 al 10 novembre, negli spazi dei Cantieri culturali della Zisa. Gli stand sono circa 80 e quest'anno sono ben 20 le scuole, per un totale di 1.500 studenti, che visiteranno la fiera. "È il segno della risposta positiva della nostra città a questo evento", spiegano gli organizzatori. Fa' la cosa giusta! Sicilia è il frutto del lavoro di un gruppo di associazioni: Addiopizzo, Arci Sicilia,  Associazione per la pace e lo sviluppo nel Mediterraneo, Banca Etica, Best Up, CO.P.E., Centro di Documentazione Giuseppe Impastato, Fisac CGIL, Kambibi soc. coop. Lavoro e non solo, Liberambiente, Libera Terra del Mediterraneo, Liotro, Siqillyah e Solidaria.

Nella prima edizione della fiera siciliana i visitatori sono stati 10mila. Quest'anno lo spazio espositivo è diviso in nove sezioni tematiche: Buono da mangiare, Beni comuni, Abitare lo spazio, Servizi etici, Viaggiare, Pace e partecipazione, Editoria, Moda e Cosmesi, Equo e solidale. Il programma culturale ancora più ricco di incontri e spettacoli. Si parlerà di raccolta differenziata, di alimentazione dei bambini, di beni confiscati, ma anche di finanza creatrice ed economia reale. Sarà dato spazio all’apicoltura urbana, all’alimentazione sostenibile, ai mutamenti climatici e ai cambiamenti di stili di vita mettendo anche a confronto soluzioni innovative per una mobilità intelligente. Uno spazio di rilievo sarà attribuito anche allo star bene, alle degustazioni e agli spettacoli che intratterranno grandi e piccini. I Cantieri Culturali –area nodale della città– si confermano così come luogo dove “imparare” e “scambiare” saperi vecchi e nuovi in nome di una nuova ecologia basata sulla condivisione.

Durante la fierà sarà infine rilanciata la campagna nazionale SlotMob 2013, un’iniziativa di mobilitazione per il buon gioco, contro le nuove povertà e la dipendenza dal gioco d’azzardo. Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, consegnerà una targa come premio civile al titolare del Bar del Kassaro, Lucio Gionti, che ha scelto di non avere slot machines nel suo locale.

Info, aggiornamenti e programma: segui su Facebook.

 

Redazione: Dario Paladini, 5.11.013 

Blog
Rubriche