Web news
Comunicare l'Africa 2.0
Giornalisti italiani e africani in Guinea per un workshop sull'utilizzo dei nuovi media.

Dalla scrittura per il web ai social network, l'associazione italo-senegalese Assaman offre a 20 giornalisti di Conakry una settimana di corso sui nuovi media. Il progetto di co-sviluppo è stato finanziato dal Comune di Milano per coprire il buco d'informazioni sull'Africa in vista di Expo 2015.

Era il 1997 quando internet ha fatto il suo ingresso nella storia di Conakry, capitale della Guinea. Secondo le statistiche più recenti (2010), nel Paese dell'Africa occidentale 6,2 abitanti ogni mille hanno accesso alla rete: una sparuta minoranza ancora oggi. Ma Twitter e Facebook sono sempre più diffusi tra i guineani della diaspora come strumento per seguire le vicende del loro Paese d'origine e a Conakry quasi tutti hanno un loro profilo. La Guinea aspetta solo di essere raccontata senza dover passare dai media. Nasce da queste considerazioni "Comunicare l'Africa con il web 2.0", un workshop che l'associazione Assaman - portale d'informazione italo-africana - condurrà dal 24 al 29 giugno a Conakry, in Guinea, assieme al network di webtv Guinée Tv1.

"Non siamo qui per insegnare ma per uno scambio, questo è un progetto di co-sviluppo - spiega Pap Khouma, scrittore e presidente dell'associazione Assaman -. Siamo qui per condividere degli strumenti e il modo di utilizzarli". Dal cambiamento nelle condizioni di vita degli immigrati italiani, fino all'uso dei social media, il seminario spazia su tutti i fronti della comunicazione sui nuovi media. "È importante poter dare ai giornalisti della Guinea un nuovo strumento per poter raccontare ciò a cui assistono ad un pubblico straniero", aggiunge Alseny Sylla, direttore della parte comunicazione di Guinée tv 1. I frutti del lavoro dell'equipe italo guineana sarà on line sul sito www.guinee2013.com, "La Guinée en avant" (La Guinea guarda avanti).

Per i giornalisti africani l'occasione di mettersi alla prova con un pubblico internazionale sono le elezioni amministrative. Il voto era previsto per il 30 giugno, ma le tensioni tra opposizione e maggioranza hanno spinto il Comitato elettorale a chiedere un rinvio, probabilmente al 28 luglio. Sono due anni che la Guinea aspetta queste elezioni amministrative, indette la prima volta nel 2011. Quelle di quest'anno saranno le prime raccontate dagli internauti di Conakry attraverso i social network e guinee2013.com. Dall'inizio di luglio ad amministrare il sito saranno direttamente i giornalisti che hanno seguito il workshop di Assaman. Il corso offre anche le tecniche di ripresa e di montaggio base via telefono, oltre ad una panoramica sui linguaggi del documentario. Inoltre Pap Khouma affronta in due lezioni come si è evoluto il fenomeno migratorio verso l'Europa.

Assaman (cielo in lingua wolof) è un magazine web in rete dal 2010 (www.assaman.info), finanziato dal Servizio di orientamento e cooperazione internazionale del Comune di Milano con 80 mila euro in tutto. L'idea alla base del sito è offrire un'informazione accurata e al di fuori dei cliché sull'Africa e dall'Africa, in vista di Expo 2015. Assaman è al suo secondo viaggio in Africa: nel 2012 sono stati 20 studenti della Scuola di giornalismo di Dakar a partecipare al workshop e a seguire le elezioni presidenziali attraverso il sito www.altervista.tongate2012.com ("la sfida" in wolof).

 

Redazione: Lorenzo Bagnoli, 27.06.013

Blog
Rubriche