Chiudi

Ricerca

Se dico rom…

Non c’è testata giornalistica che tenga. Quando scrivono di rom e sinti tutte scivolano facilmente nella discriminazione. È quanto emerge dal rapporto “Se dico rom…”, realizzato dall’associazione di medici volontari Naga e presentata oggi a Milano. Su 500 articoli pubblicati da giugno 2012 a marzo 2013 su dieci quotidiani, poco più di un terzo (164) contengono frasi discriminatorie: il 36% su Libero, il 14% sul Corriere della sera, il 13,4% sulla Prealpina, il 10,4% sulla Padania, il 9,8% su Il Giornale, il 7,3% su La Repubblica, il 5,5% su La Stampa e il 3,7% su Leggo (edizione milanese).

Non solo i rom e sinti compaiono solo quando commettono reati, ma spesso vengono associati a fatti negativi anche se non ne sono coinvolti. Inoltre “vengono associati a criminalità e degrado cittadini rom che compiono atti che non sono di per sé reato -scrivono i ricercatori del Naga-, come ad esempio lavarsi alla fontana, o che sono addirittura neutri, come passare in un luogo”. A rom e sinti vengono poi considerati tra i primi sospettati per i reati che vengono commessi in una zona, per il solo fatto di abitarci anche loro. “Lo stereotipo è talmente radicato che ha raggiunto il livello ontologico: non serve compiere nessuna azione”, si legge nel rapporto del Naga.

L’associazione propone ai giornalisti, all’Ordine dei giornalisti e alla Federazione nazionale della stampa e agli editori di rispettare e applicare le linee guida per l’applicazione della Carta di Roma, firmare l’appello “I media rispettino il popolo Rom“, lanciato da “Giornalisti contro il razzismo” e di dare voce ai rom e sinti, interpellarli e ascoltarli come fonti.

Guarda qui il video, realizzato dal Naga.

Redazione: Dario Paladini, 7.05.2013

PER APPROFONDIRE
Leggi la news “Tutta colpa dei rom“.

  • Iscriviti alla nostra newsletter

    Iscriviti alla nostra newsletter

    Our monthly newsletter with a selection of the best posts

  • Terre di mezzo

    Casa editrice con sede a Milano. Pubblichiamo 60 titoli all’anno, scelti e realizzati con cura per voi.
    I Percorsi a piedi e in bicicletta, i libri per bambini de L’Acchiappastorie, i manuali creativi delle Ecofficine sono le nostre collane principali.
    Per primi abbiamo pubblicato la Guida al Cammino di Santiago, titolo bestseller oggi giunto alla 12ma edizione.
    Tra i nostri libri più amati e conosciuti: La grande fabbrica delle parole, albo illustrato da Valeria Docampo e la serie Dory Fantasmagorica, di Abby Hanlon.

Nessun prodotto nel carrello.

Le spedizioni saranno interrotte a partire da mercoledì 7 fino a mercoledì 28 agosto. Riprenderanno a partire da giovedì 29 agosto. Ignora