Web news
Mille in più sulla strada
Cresce il numero dei senza dimora a Milano. In totale sono 2.600. Dopo il lavoro, hanno perso anche la casa.

Ce ne sono mille in più, rispetto a cinque anni fa. I senza dimora a Milano sono ora 2.616. Li hanno contati circa 900 volontari nella notte dell'11 marzo scorso. I risultati del censimento "racContami", organizzato da Università Bocconi, Fondazione Rodolfo Debenedetti e Comune di Milano, dimostrano quanto la povertà riguardi un numero sempre crescente di persone. Nella precedente rilevazione della Bocconi, che risale al 2008, era risultato che dormivano in strada o erano ospiti nei dormitori 1.600 poveri. Il censimento non si è limitato a contarli, ma ha cercato anche di capire chi sono i senza dimora a Milano. Nove su dieci sono uomini, di cui il 30 per cento con un'età che varia tra i 44 e i 60 anni, il 25 per cento tra i 25 e i 34 e il 21 per cento tra i 35 e i 44. Sono soprattutto stranieri: il 77 per cento di quelli che scelgono i dormitori e l'83 per cento di quelli che vivono per strada.

Perché sono finiti in strada? Se i problemi della casa pesano nello stesso modo tra italiani e stranieri, le dipendenze da droga e gioco d'azzardo incidono di più per gli italiani. Diverso anche il tempo trascorso in strada: la situazione dura di più per gli italiani, in media 5 anni, mentre nei dormitori è di 2 anni e mezzo. Solo una persona su dieci ha avuto un lavoro nel mese precedente e tra questi il 70 per cento è in nero. Chi non ha avuto un impiego l'ha cercato, però: il 76 per cento ha provato chiedendo ad amici. 

I senza dimora intervistati affermano di poter contare in media su circa 146 euro al mese, ma il 39 per cento dice di non aver chiesto elemosina. Il 66 per cento ha chiesto aiuto ai servizi del Comune, soprattutto chi è entrato in un dormitorio. L'11,9 per cento tra gli ospiti dei centri d'accoglienza ha una forma di disabilità e più della metà, sei su dieci, sono stati malati nell'ultimo mese. Nonostante tutto, il 30 per cento dice di essere felice e soddisfatto della propria vita.

 

Redazione: Lorenzo Bagnoli, 18 aprile 2013

Eventi
Blog
Rubriche