Web news
Made in carcere
Prodotti e servizi “made in carcere” si mettono in vetrina: apre oggi a Milano il primo spazio dedicato a 15 imprese nate nelle carceri della città. Si potrà acquistare i loro manufatti, ma anche conoscerle meglio attraverso incontri e seminari.

L’unione fa la forza. È per questo che 15 realtà nate nelle carceri milanesi di San Vittore, Bollate, Opera e il minorile Beccaria, aprono oggi il primo store di prodotti e servizi “made in carcere” in via dei Mille 1 (angolo piazzale Dateo). Cinque vetrine e 200 mq di spazio messi a disposizione dal Comune per acquistare i manufatti e conoscere quelle che sono diventate imprese a tutti gli effetti.

"L'inaugurazione di questo nuovo spazio è il giusto punto di arrivo di un percorso volto a valorizzare il lavoro, le professionalità e le imprese nate all'interno delle carceri milanesi - ha commentato l'assessore alle Politiche del Lavoro, Cristina Tajani, che ha preso parte all'inaugurazione -. Lavoro, prodotti e servizi che trovano oggi una vetrina per aprirsi alla città e rafforzarsi sul mercato." L'Acceleratore di impresa, finanziato dal Comune di Milano con un totale di 500mila euro, ha visto la collaborazione del Provveditorato alle Carceri.

Dai servizi di catering e produzione di dolci (cooperative Abc la sapienza in tavola, Piazza alimentare, Stile libero) ai lavori di sartoria (Alice cooperativa sociale), dalla manutenzione del verde (Cascina Bollate e Opera in fiore) alla falegnameria (Estia cooperativa sociale). E poi servizi di call center (Out&sider e Bee 2 s.r.l.), realizzazione di impianti elettrici (Cidiesse), gestione commerciale, reception, accoglienza (Factory cooperativa sociale), servizi di data entry (Gsp s.r.l., Soligraf, Sst s.r.l.) e vendita diretta di utensili Bosch (Il giorno dopo). Ogni tre mesi si alterneranno cinque di queste imprese che venderanno i propri prodotti, illustreranno ai cittadini i loro servizi e organizzeranno incontri o seminari per farsi conoscere. In programma, per esempio, ci sono alcune iniziative per il Salone del mobile, previsto ad aprile in città.

"L'idea di radunare tutte queste imprese in un unico luogo è nata con l'obiettivo di combattere la frammentarietà che in questi anni ha impedito di valorizzare il loro lavoro - afferma Felicia Vitiello, funzionaria giuridico-pedagogica del Provveditorato regionale alle carceri -. Si può superare anche lo scoglio della crisi se c'è una regia che coordini le iniziative mettendole in contatto tra loro e con il territorio."

L'assessore Tajani ha inoltre promesso un finanziamento di 20mila euro per realizzare un pozzo per l'acqua nel carcere di Bollate, in modo tale da alimentare le varie attività, dalle serre, al maneggio, fino alle lavanderie.


Redazione: ALessandra Ravelli, 19.02.2013

Blog
Rubriche