Web news
Turismo di comunità in Brasile
Un modo di fare vacanza che permette davvero di vivere in un parse come chi ci vive. Il progetto Saùde e alegria conduce alla scoperta dello Stato di Parà, in Amazzonia...

Vivere un paese come chi ci vive. E' la proposta del turismo comunitario, un modo di fare vacanza che si sta affermando in alcune nazioni
del Sud del mondo tra cui il Brasile, potenza emergente con una varietà di popoli e culture che va ben oltre la samba e il carnevale. Una ricchezza di cui hanno avuto un assaggio i visitatori di Fa' la cosa giusta! dove, grazie al sostegno della linea aerea Tam, sono state presentate alcune di queste iniziative.
La più "matura" si chiama Saùde e alegria e conduce alla scoperta dello Stato di Parà, dove dal 1987 i medici risalgono il fiume per assistere le popolazioni amazzoniche escluse dai servizi sanitari. Da qualche anno i barconi portano anche i turisti, che si avvicinano ai popoli della foresta, imparano a pescare con le tecniche locali e a fare il pane con la farina di manioca (www.saudeealegria.org.br). Una realtà simile a quella delle
Isole di Araujo e Trindade, fra Rio de Janeiro e San paolo, dove si partecipa a feste tradizionali e si apprendono i segreti dei piatti tipici (www.projetobagagem.org). Nel Paranà, oltre alla pesca vengono proposte attività di educazione ambientale e si possono osservare le specie della foresta atlantica a rischio d'estinzione, come il pappagallo cara roxa, dal muso color porpora (www.visiteguaraquecaba.com.br). A Olinda, patrimonio Unesco per le chiese barocche e il centro storico in stile coloniale, ci si può invece dedicare all'arte: con la collaborazione della ong italiana Icei, gli abitanti della città accompagnano i turisti in visite guidate a realtà come il Gremio Henrique Dias, dove 40 bambini vanno a
scuola di musica (www.turismodagente.com.br). infine, per sentirvi a casa, fatevi accogliere in uno dei 180 agriturismi a conduzione familiare
dello stato di Santa Catarina, enclave europea dove c'è persino l'Oktoberfest (www.acolhida.com.br). Esperienze che, per i Mondiali di calcio 2014 e le Olimpiadi 2016, cercano un coordinamento comune, sull'esempio della Central de turismo comunitário da amazônia, a capo di diversi progetti nella regione del grande fiume (www.turismocomunitario.org).

 

Testo: Andrea Rottini

Eventi
Blog
Rubriche