Web news
Goel, ordigno esplode nella nuova sede
A Caulonia, nella Locride, l'anno si apre con un attentato davanti all'ingresso del locale che la cooperativa Goel stava predisponendo come laboratorio d'inserimento lavorativo per gli immigrati rifugiati politici presenti nei propri progetti di accoglienza.

Il Gruppo cooperativo Goel (http://www.goel.coop/) gestisce diversi progetti di accoglienza di rifugiati politici e di minori stranieri non accompagnati insieme al comune di Caulonia e ad altri comuni della Locride. Il locale danneggiato è situato proprio a Caulonia, ed era stato affittato da Goel con l'intenzione di avviare un ristorante multietnico dove preparare e inserire al lavoro gli ospiti dei progetti di accoglienza. “Proprio in questi giorni – ricorda una nota del gruppo - si stava predisponendo il locale per un'imminente apertura”. L’ordigno è stato fatto esplodere, come detto, davanti l'ingresso principale, causando notevoli danni. Sono prontamente intervenuti sul posto i carabinieri che hanno già avviato le indagini.

”Non sono noti moventi e destinatari di questo gesto assurdo e vigliacco – afferma il Goel -; indipendentemente da quali siano stati gli intenti, il Gruppo Cooperativo Goel si sente comunque ancor di più motivato a continuare nel proprio percorso di legalità, giustizia sociale e sviluppo sostenibile: continuerà con forza le attività di accoglienza degli immigrati, per sottrarli al controllo della malavita e guadagnarli all'integrazione e allo sviluppo. Incrementerà le attività di ‘GOEL Bio’ (www.goel.coop/bio), per creare un mercato locale degli agrumi che premi gli agricoltori che si oppongono alla 'ndrangheta e ai torbidi mercati di sfruttamento; diffonderà nelle regioni settentrionali le iniziative di contrasto all'infiltrazione criminale che da alcuni anni vengono portate avanti attraverso l'Alleanza con la Locride e la Calabria contro la 'ndrangheta e le massonerie deviate (www.goel.coop/alleanza); persisterà a ignorare e disprezzare le regole non scritte che la 'ndrangheta impone a livello sociale ed economico”.

Molti sono gli atti di violenza e intimidazione mafiose succedutesi nella Locride e in Calabria negli ultimi giorni. Goel manifesta “piena fiducia nelle forze dell'ordine e nella magistratura antimafia, brillantemente impegnate nel contrasto alla 'ndrangheta nella Locride”.

”Questo sforzo locale va però – conclude - ulteriormente sostenuto dal Governo centrale, che deve a sua volta irrobustirlo con ogni mezzo (normativa, organici, strumenti, risorse). Tra crisi e federalismo fiscale, se la 'ndrangheta non viene urgentemente annientata per la Calabria sarà definitivamente preclusa la via allo sviluppo!”


Testo: Redattore Sociale, 2.01.012

Blog
Rubriche