Web news
Alunni con cittadinanza non italiana 2010-11
In collaborazione con ISMU, tornano dopo due anni i dati del Ministero Istruzione sui figli dei migranti nelle scuole elementari, medie e superiori. Sono il 7,9 di tutta la popolazione studentesca.

MILANO - Sono 711mila gli alunni stranieri in Italia, pari al 7,9%  di tutti gli studenti, dalla scuola d'infanzia fino ai licei e agli istituti tecnici. E incontrano non poche difficoltà tra i banchi: nell'anno scolastico 2009-2010 il 12,2% è stato bocciato (contro il 4% dei compagni italiani) alle medie mentre nelle superiori stessa sorte è toccata al 30% (14,1% tra gli italiani) con punte del 37,5% in prima. Tant'è vero che nelle scuole secondarie di primo grado gli alunni stranieri in ritardo con gli anni sono il 49,1% e in quelle di secondo grado sono addirittura il 71,3%. È questo uno dei tratti salienti del quadro che emerge dal rapporto "Alunni con cittadinanza non italiana 2010-2011" presentato oggi a Milano dal Ministero dell'Istruzione e dall'Ismu. Era da due anni che il Ministero non diffondeva i dati sulla presenza dei figli dei migranti nelle scuole italiane. Ed è negli istituti professionali che si concentrano i problemi: nel 2010/2011 gli alunni stranieri iscritti erano 62.080 e i bocciati raggiungono il 34,2% contro il 24,6% dei coetanei italiani. Tra i banchi dei professionali, inoltre, siedono 8.100 studenti stranieri che hanno dai 20 anni in sù, segno delle difficoltà che hanno incontrato nella loro vita scolastica. Va un po' meglio negli istituti tecnici, dove gli iscritti stranieri sono 58.340 e i bocciati arrivano al 29,9%.

La "strage" di studenti stranieri avviene soprattutto nelle classi prime. Alle medie (anno scolastico 2009/2010) il 14,7% ha dovuto ripetere l'anno contro il 4,6% dei compagni italiani. Alle superiori si arriva al 37,5% contro il 15% degli italiani.

Stranieri  "made in Italy". Il numero di studenti stranieri nelle scuole italiane è ancora in crescita, nel 2010/2011 sono 37.454 in più rispetto all'anno scolastico precedente. Ma si tratta di una crescita più contenuta rispetto al passato: fino al 2009 c'erano incrementi di circa 60/70mila alunni all'anno. Aumenta invece sensibilmente il numero degli studenti di cittadinanza straniera nati in Italia, i cosiddetti G2: nell'anno scolastico 2009/2010 sono infatti 263.524, pari al 39,12% di tutti gli studenti stranieri con un aumento del 13,1% rispetto all’anno precedente. Scuola dell'infanzia ed elementari accolgono la stragrande maggioranza dei G2: circa l'80%. La popolazione scolastica straniera sta diventando quindi sempre più "made in Italy", tanto che nel 2009/2010 i nuovi entrati sono 44.232 di cui soltanto 13.711 provenienti direttamente dall’estero.

Oltre uno su tre alle elementari. È soprattutto nelle scuole primarie che siedono gli alunni stranieri: nell'anno scolastico 2010/2011 sono 254.644, pari al 35,8% di tutti gli studenti non italiani. Il 22,3% si concentra poi nelle medie, il 21,6 alle superiori e il 20,3 nelle scuole materne. Degno di nota però sono le differenze con l'anno scolastico precedente per quanto riguarda le elementari, quando erano ben il 42,8%, e alle superiori dove raggiungevano appena il 14%. Arrivati alle scuole secondarie di secondo grado (nel 2010/2011 sono 153.513) scelgono gli istituti professionali il 40,4%, i tecnici il 38%, i licei il 18,7% e gli artistici il 2,9%. Poco più delle metà (50,3%) sono femmine, con punte del 70% nei licei. 

 

Testo: Dario Paladini, per Redattore Sociale

Eventi
Blog
Rubriche