Web news
Via Padova è meglio di Milano
Questo fine settimana non prendete impegni. Non potete mancare alla seconda edizione della festa più multietnica della città.

Un tour per le strade del quartiere alla scoperta della "Milano migranda", due pomeriggi di lettura all'interno di una Biblioteca vivente, dove sarà possibile "prendere in prestito" venti libri umani e un appuntamento speciale del laboratorio di scrittura creativa "La grande fabbrica delle parole". Sono tre appuntamenti del ricco programma della seconda edizione di "Via Padova è meglio di Milano" che si svolgerà sabato 21 e domenica 22 maggio.  

Vengono da Bangladesh, Kenya, Ecuador, Perù, Marocco ed Egitto le dieci guide che animeranno la prima passeggiata di "Milano migranda", accompagnando i turisti alla scoperta della storia di via Padova e del borgo di Crescenzago. "Abbiamo voluto replicare l'esperienza di Torino, dove un anno fa è stata lanciata l'idea delle passeggiate nei quartieri di Porta Palazzo e San Salvario -spiega Michele Curami, di Acra, una delle associazioni che promuove il progetto-. In un anno abbiamo avuto più di mille visitatori".  

L'obiettivo di "Milano migranda" è quello di valorizzare la storia dell'immigrazione in via Padova e dintorni (dagli arrivi dal Mezzogiorno, alle migrazioni internazionali), le sue bellezze nascoste e far conoscere le varie realtà associative che lavorano nel quartiere. "Fino ad arrivare alla scoperta dei nuovi sapori e dei nuovi prodotti che stanno contaminando la nostra cultura. Anche dal punto gastronomico", conclude Michele Curami. La passeggiata è gratuita, ma occorre prenotarsi all'indirizzo mail: passeggiate.migranti@mowgli.it  

Il tema dell'immigrazione e della scoperta dell'altro è al centro di un secondo appuntamento di "Via Padova è meglio di Milano": per l'occasione, la biblioteca di Crescenzago, diventerà una "Biblioteca vivente". Sarà infatti possibile "prendere in prestito" per mezz'ora uno dei venti "libri umani", provenienti da 12 Paesi del mondo: Algeria, Tunisia, Perù, Pakistan, Guinea Conakry, Cina, Albania e Italia. "Tutti vivono o lavorano in via Padova o nelle vie limitrofe -spiega Ulderico Maggi, dell'associazione Abcittà, che ha promosso il progetto-. Il lettore interroga il 'libro', fa nascere un dialogo. L'incontro con le persone è il modo migliore per promuovere il dialogo, decostruire stereotipi e pregiudizi". Chi arriva in biblioteca può iscriversi e "prenotare" il proprio libro sulla base di un elenco di titoli che prendono spunto dalla biografia delle persone. Sabato 21 e domenica 22 maggio appuntamento alla biblioteca di Crescenzago (dalle 15 alle 18.30).  

Infine l'apppuntamento con un workshop grauito speciale del laboratorio di scrittura creativa "La grande fabbrica delle parole" organizzato da Terre di mezzo. Il laboratorio è gratuito e aperto a tutti i bambini dai 6 agli 11 anni. Appuntamento domenica 22 maggio, dalle 10.30 alle 12.30 presso l'anfiteatro della Martesana (via Stamira d'Ancona, MM Turro). 

Per consultare il programma completo di "Via Padova è meglio di Milano", clicca qui.

 

Eventi
Blog
Rubriche