Web news
Buone pratiche da sud
Comuni che con l'eolico garantiscono assistenza agli anziani e con l'olio esausto ricavano combustibile. "Il Mezzogiorno sale in cattedra" sabato 26 marzo (ore 13, sala Africa).

C'è un piccolo comune dove con le royalties dell'eolico vengono erogati sussidi ai cittadini per pagare il mutuo e per incentivare le nascite. In un altro paese dall'olio esausto si ricava biodisel per i mezzi pubblici. Mentre un terzo ha illuminato tutte le strade cittadine con i led che emettono raggi freddi ed evitano la dispersione di calore. Non siamo in Germania né in Svezia, ma in tre piccoli centri del sud Italia: Sant'Agata di Puglia (Foggia), Corchiano (Viterbo) e Torraca (Salerno). Modelli virtuosi in cui gli amministratori locali hanno saputo costruire ingranaggi di buone prassi che si alimentano a vicenda, dall'ambiente al welfare. Tre esperienze di successo raccontate nell'inchiesta "Tendenza sud" di Terre di mezzo - street magazine e che verranno presentate durante l'incontro "Il Mezzogiorno in cattedra - Buone pratiche da Sud" in programma a Fa' la cosa giusta! sabato 26 marzo (sala Africa, a partire dalle 13).

E sempre più sindaci si convertono alla sostenibilità. Anche per alleggerire i bilanci, soprattutto dopo che il Governo ha deciso di diminuire i trasferimenti agli enti locali. L'Associazione nazionale comuni italiani (Anci) ha stimato che nei prossimi tre anni i tagli costringeranno le amministrazioni comunali a ridurre del 20% le spese correnti e del 30% gli investimenti. "Ma chi ha adottato pratiche di sostenibilità potrà affrontare meglio la stretta del tesoro", spiega Marco Boschini, presidente dell'associazione Comuni virtuosi.

Temi che verranno approfonditi durante l'incontro "Il Mezzogiorno sale in cattedra", che vedrà la partecipazione di Daniele Filizola, vicesindaco di Torraca; Ezio Orzes, dell'associazione Comuni Virtuosi;  Lorenzo Bagnoli, giornalista e autore dell'inchiesta "Tendenza sud". Modera: Dario Paladini,  giornalista Terre di mezzo.

Blog
Rubriche