Web news
Premio Saverio Tutino 2018
Torna dal 14 al 16 settembre l'appuntamento annuale dell'Archivio Diaristico Nazionale

 


Dal 14 al 16 settembre il borgo di Pieve Santo Stefano ospiterà la 34a edizione del Premio Pieve Saverio Tutino, organizzato dall'Archivio Diaristico Nazionale, nato per riconoscere e pubblicare gli scritti personali, attraverso cui narrare e custodire la storia collettiva di questo paese. Terre di mezzo Editore pubblicherà, come di consueto, il diario vincitore dell'edizione di quest'anno all'interno del proprio catalogo. Sara Ragusa, editor di Terre di mezzo e curatrice della collana dedicata all'Archivio Diaristico, sarà parte della giuria che selezionerà il migliore manoscritto per questa edizione.

La tre giorni si aprirà venerdì 14 settembre, con la presentazione del libro Parole oltre le frontiere. Dieci storie migranti, la raccolta dei diari finalisti del Premio DiMMi, il concorso nazionale dedicato ai racconti di vita delle persone migranti residenti o soggiornanti in Italia, che approderà in libreria il prossimo 20 settembre. “Racconti – come scrive Alessandro Triulzi nella prefazione del libro – che sono la storia vissuta dell’Italia dalle molte lingue e culture che cresce lentamente, quasi sotterraneamente, intorno a noi con spinte e pulsioni che a volte determinano reazioni di paura e chiusura, ma altre volte coinvolgono comunità, gruppi, individui e istituzioni che fanno dell’accoglienza la cifra più visibile del loro stare nel mondo contemporaneo”. Appuntamento alle 10.00 al Teatro Comunale. A seguire una performance di teatro-danza dedicata al libro, con Donatella Allegro, Andrea Biagiotti e Elena Maschi. Alle 12.00 la presentazione del progetto realizzato in collaborazione con Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, con Monica Barni, Federico Borreani, Massimiliano Bruni, Costanza Mattesini, Novella Mori, Ilaria Zambelli.

Sabato 15 settembre verrà presentato Ridotta Isabelle. Nella Legione straniera senza ritorno da Dien Bien Phu - Lettere 1952-54, di Antonio Cocco, l'opera vincitrice del Premio Pieve Saverio Tutino 2017, in libreria dal 20 settembre per Terre di mezzo Editore.

Attraverso questo epistolario seguiamo il diciottenne Antonio che un gesto improvviso di ribellione porta a scappare in Francia con un amico. Fermato dalla polizia perché clandestino, viene spinto ad arruolarsi nella Legione straniera per evitare il carcere. L’addestramento feroce, le punizioni e le violenze gli fanno rimpiangere ogni giorno la scelta compiuta, ma tornare indietro è impossibile. Nell’ottobre di quello stesso anno Antonio viene spedito in prima linea a difendere una causa che non gli appartiene nella guerra d’Indocina. Cade nella lunghissima e decisiva battaglia di Dien Bien Phu, nell'attuale Vietnam, che porta alla resa dei francesi. L'epistolario verrà presentato da Giovanni Cocco, fratello dell'autore e dallo storico Umberto Gentiloni Silveri. L'appuntamento è per sabato 15, alle 11.30, alle Logge del grano.

Quest'anno, grazie a Memory Route, è possibile partecipare alle presentazioni pubbliche del Premio Pieve ma anche scoprire le altre meraviglie della "valle della memoria", partendo proprio dai dintorni di Pieve Santo Stefano fino ad arrivare ad Anghiari, passando per il Piccolo museo del diario e per la Libera Università dell'Autobiografia, dando inoltre la possibilità di soggiornare e mangiare in luoghi caratteristici e genuini, vere eccellenze del territorio.

Blog
Rubriche