Seconde generazioni
Vacanze autartiche
Dona sogna una vacanza romantica, con il fidanzato. Sogna, perché anche se vive a Roma da quando aveva 11 anni resta in attesa del rinnovo del permesso di soggiorno. Senza, non può viaggiare.

Quest'estate Dona Rose Della Cruz sogna una vacanza romantica, in compagnia del fidanzato. Sogna, perché anche se vive a Roma da quando aveva 11 anni, e ora ne ha 27, non ha ancora ottenuto la cittadinanza italiana, ma resta in attesa del rinnovo del permesso di soggiorno (richiesto ad agosto 2009) o magari della sua trasformazione in carta di soggiorno: documenti utili per poter rientrare in Italia una volta usciti dai confini nazionali.

Meno diffusa del "permesso", la carta di soggiorno può essere richiesta dopo 5 anni di permanenza regolare in Italia, dove la possiedono ormai 716mila immigrati non comunitari (Idos 2009). È a tempo indeterminato e quindi permette maggiore libertà di circolazione all'interno dell'area Schengen. La carta consente di rientrare in Italia "senza dannarsi", visto che alcuni Stati Schengen non riconoscono come valida "la richiesta di rinnovo" del permesso di soggiorno.

In attesa del prezioso documento, Dona ha deciso quindi di mettere da parte "i progetti da sogno": non ha alcuna intenzione di rivivere la bruciante frustrazione di una vacanza naufragata a causa del permesso scaduto. Come le era capitato alcuni mesi fa, quando è stata costretta a rinunciare a un viaggio premio a Lisbona, vinto come impiegata modello della banca in cui lavora: i biglietti trasformati in carta straccia e stanza d'albergo inutilmente pagata. "Sembra assurdo ma, in attesa di rinnovo, sarebbe più facile programmare un viaggio nelle Filippine, il mio Paese d'origine, e rientrare in Italia senza fare scalo in altri Stati europei, che organizzare un romantico week-end low cost in una capitale europea", spiega Dona.

"Le difficoltà di viaggiare nel vecchio continente, quando si è in attesa di rinnovo, condizionano profondamente le nostre vite -commenta Ismail Ademi della rete G2, organizzazione nazionale di figli di immigrati-. Soprattutto per i giovani, il viaggio rappresenta un modo per fare gruppo e allargare gli orizzonti". Non resta che sperare nelle rassicurazioni degli esperti: "Uno spiraglio c'è -dice Paolo Bonetti dell'Asgi, Associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione-. Dall'aprile di quest'anno è entrato in vigore il Codice comunitario dei visti, un regolamento europeo che stabilisce regole più semplici". Bisognerà solo capire in che modo verrà applicato.

Eventi
Blog
Rubriche